Sicurezza informatica, il caso Code Spaces

Sicurezza informatica, il caso Code Spaces

Lo scorso martedì 17 giugno 2014, il sito internet www.codespaces.com (un sito che offre servizi per ospitare software e progetti informatici) ha subito un attacco informatico.

Tale attacco non si è limitato ad oscurare il sito o modificare l’homepage.
I malfattori si sono riusciti ad accedere al pannello di controllo principale (quello del servizio Cloud di Amazon) e richiede un riscatto ai proprietari del sito.

A questo punto i titolari hanno provato a recuperare il controllo ma i malfattori avevano previsto tale operazione e hanno cancellato tutti i dati del sito compresi quelli dei backup.
I dati erano dei clienti di Code Spaces che, insomma, pagavano per questo servizio.
Il risultato è che il sito, i backup e tutta l’azienda è stata distrutta.
Lo staff di Code Spaces non è uno staff di sprovveduti ma di esperti informatici (e di sicurezza).

Per conoscere la storia in inglese potete visitare http://www.codespaces.com.

E’ importante raccontare questo episodio perché rappresenta un grande avvertimento.

Per prevenire danni irreparabili occorre seguire due semplici consigli:


1. Se avete un sito internet, un commercio elettronico o semplicemente dei dati online assicuratevi di avere un backup offline, ovvero su una chiavetta USB o DVD non connessi ad alcun computer.
Chi porta questo tipo di attacchi non è più il ragazzino asociale, ma è una rete internazionali di criminali organizzati.


2. In caso di estorsione va sempre coinvolta la forza di polizia preposta per la lotta a questi crimini.
Le forze di polizia hanno oramai una rete internazionale che le interconnette e in questi casi possono agire molto più velocemente degli utenti normali.